Onde d’urto

La terapia con onde d’urto è chiamata anche ESWT (Extracorporeal Shock Wave Terapy) è una nuova terapia non invasiva ed estremamente efficace su particolari tipi di patologie. L’applicazione di questa terapia comporta tempi relativamente modesti e si esegue in poche sedute.
è utilizzata da tempo per il trattamento delle patologie a carico dei tessuti molli e delle ossa.

ENERGIA SONORA E VASCOLARIZZAZIONE
Per terapia con onde d’urto si intende un trattamento che consente di ricreare vascolarizzazione in un distretto corporeo attraverso l’urto di un energia sonora generata in vari modi, esistono infatti onde elettroidrauliche, elettromagnetiche e piezoelettriche, la terapia è capace in questo modo di avviare un processo di guarigione di patologie croniche di vari tipi, il meccanismo di azione è simile a quello del litotritore usato per l’eliminazione dei calcoli renali. L’onda d’urto ortopedica deve essere focalizzata, cioè, mirata nel punto preciso da trattare per definizione.
L’utilizzo della tecnica con le onde d’urto nasce in Germania alla fine degli anni ‘80 presso l’Università di Ulm, a cura del Dott. Rupert Diesch, che iniziò a studiare le possibili applicazioni in ortopedia del litotritore urologico lavorando sulle cavie.
I risultati furono così eclatanti da stimolare le aziende pro-duttrici a creare una linea ortopedica dedicata.
ONDE-D'URTO_DSC_0457La capacità delle onde d’urto di scongiurare l’intervento chirurgico in alcune patologie gli ha fatto guadagnare il nome di “bisturi virtuale”. Ad esempio le calcificazioni intra articolari della spalla che avevano indicazione chirurgica assoluta possono essere trattate e risolte con le onde d’urto e addirittura le fratture in ritardo di consolidazione anche dopo un anno possono esser trattate con onde d’urto con percentuali che l’osso si risaldi vicine al 90%.
Molte patologie ortopediche a carattere cronico traggono beneficio da questa terapia, la tendinite del tendine d’Achille o del rotuleo, le epicondiliti, le calcificazioni intra articolari della spalla, le fasciti plantari, le spine calcaneari, le fratture in ritardo di consolidazione e molte altre ancora. Di recente si è iniziato il trattamento anche a livello di atleti professionisti di prima fascia (calciatori).
La terapia va fatta una volta a settimana, non c’è immissione di farmaci, si tratta di stimolare un processo biologico assolutamente naturale. Le risposte positive ottenute nel trattamento dei tessuti tendinei hanno indotto l’uso delle onde d’urto anche nel trattamento delle fibrotizzazioni delle fasce e dei tendini come nel caso delle rigidità postraumatiche o nel morbo di Dupuytren.
Grande seguito sta prendendo l’uso delle onde d’urto nel trattamento delle ferite difficili per le quali va utilizzata una sonda specifica che defocalizza l’onda rendendola disponibile per una superficie più ampia.
I trattamenti, si possono effettuare ambulatorialmente senza problemi e bisogna riconoscere che lo sviluppo tecnologico ha migliorato molto la compliance per il paziente, che oggi “soffre” meno.)

RIMANIAMO IN CONTATTO. ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Acconsento al trasferimento dei miei dati personali a STUDIO MEDICO ASSOCIATO LANCISI PHYSIO ( more information )
Unisciti alla nostra Community, sarai informato delle nostre attività e promozioni!
Odiamo lo spam. Il tuo indirizzo e-mail non sarà venduto o condiviso con nessun altro.