La coxoartrosi o artrosi dell’anca 

La coxartrosi o artrosi dell’anca è una patologia cronico-degenerativa dell’articolazione dell’anca dovuta a una progressiva alterazione della cartilagine articolare. A queste alterazioni si accompagna il dolore, la limitazione nel movimento e può essere compromessa la normale deambulazione

Lo strato di cartilagine che riveste la testa del femore e la cavità acetabolare si assottiglia progressivamente fino a mettere a nudo l’osso sottostante. Questo reagisce addensandosi e deformandosi, con la produzione di escrescenze a forma di becco (osteofiti) che limitano il movimento. La capsula articolare si ispessisce e i muscoli si retraggono fino a determinare una caratteristica postura dell’individuo affetto da coxartrosi.

Anatomia di un’anca “sana”

L’anca è una delle più grandi articolazioni del corpo simile a un giunto a sfera: la coppa è formata dall’acetabolo – parte del grande osso del bacino –, la sfera è la testa del femore – estremità superiore del femore; la sfera muovendosi all’interno della coppa dà origine al movimento dell’anca.

Le superfici ossee della testa del femore e dell’acetabolo sono ricoperte di cartilagine articolare, un tessuto morbido che permette loro di muoversi facilmente.

La membrana sinoviale circonda l’articolazione: in un’anca sana, questa membrana produce una quantità di liquido sufficiente a lubrificare la cartilagine e ad eliminare quasi del tutto l’attrito durante il movimento.

I legamenti, la capsula dell’anca, collegano la testa del femore all’acetabolo e forniscono stabilità all’articolazione. Gli stessi legamenti tengono il femore e la tibia insieme e forniscono stabilità.

Normalmente il tutto si muove in modo armonico ma una malattia o un infortunio possono interrompere questa armonia, con conseguente dolore, debolezza muscolare, e riduzione della funzione.

Le cause del dolore all’anca

La causa più comune di dolore all’anca cronico e di riduzione della sua funzione è l’artrosi. Anche se ci sono molti tipi di artrosi, quelli che più comunemente causano dolore all’anca sono: l’osteoartrosi cronica senile, l’artrite reumatoide, l’artrosi post-traumatica, il conflitto femoro-acetabolare e la necrosi avascolare.

L’osteoartrosi: è tipicamente un’”usura”, di solito si verifica in persone che hanno più di 50 anni, ma può verificarsi anche in persone più giovani, soprattutto in chi ha praticato sport ad alti livelli. La cartilagine che ammortizza le ossa dell’anca si ammorbidisce e si logora, facendo così sfregare le ossa una contro l’altra, causando dolore e rigidità.

L’Artrite Reumatoide: è una malattia reumatica che vede la membrana sinoviale infiammata e ispessita. L’infiammazione cronica può danneggiare la cartilagine e causarne la perdita, il che si traduce in dolore e rigidità.

Artrosi post-traumatica: può essere l’esito di un grave infortunio come una frattura o una lussazione. Le fratture nel tempo possono danneggiare la cartilagine articolare, causando dolore e limitandone la funzione.

Il conflitto femoro-acetabolare: visita l’apposita pagina, clicca qui

La necrosi avascolare: visita l’apposita pagina, clicca qui

I fattori che determinano l’insorgenza della coxartrosi sono:

  • obesità, per il sovraccarico meccanico dell’articolazione dell’anca
  • familiarità
  • età, principale fattore di rischio per lo sviluppo dell’artrosi
  • predisposizioni anatomiche come la diplasia e il conflitto femoro-acetabolare.

 

RIMANIAMO IN CONTATTO. ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!
Acconsento al trasferimento dei miei dati personali a STUDIO MEDICO ASSOCIATO LANCISI PHYSIO ( more information )
Unisciti alla nostra Community, sarai informato delle nostre attività e promozioni!
Odiamo lo spam. Il tuo indirizzo e-mail non sarà venduto o condiviso con nessun altro.